content top

Vendere oro a Roma: come fare?

Come fare se si vuol vendere dell’oro a Roma? Sono tantissime le persone che intendono liberarsi di oggetti in oro per potersi assicurare un pagamento immediato, e non vi è dubbio sul fatto che quest’opportunità sia davvero molto allettante, soprattutto laddove gli articoli in oro siano privi di valore affettivo, oppure siano destinati a restare inutilizzati. In Italia è possibile vendere dell’oro all’insegna della piena legalità facendo riferimento ai compro oro, delle aziende che sono autorizzate ad acquistare oggetti in oro direttamente da privati, riconoscendo loro un pagamento in modo del tutto autonomo. L’oro è il metallo prezioso per eccellenza, una materia prima che gode sempre di un grandissimo mercato a livello internazionale, per questo motivo i compro oro hanno interesse nel recuperare l’oro presente in vecchi oggetti. Se si possiede un oggetto in oro è del tutto irrilevante il fatto che esso sia danneggiato o in condizioni impeccabili, che abbia un design piacevole o meno, oppure che sia o meno funzionante, laddove si stia parlando di orologi o articoli analoghi: i compro oro sono disposti ad acquistare tali articoli esclusivamente per la presenza di questo metallo prezioso, a prescindere da quali siano le loro condizioni e le loro caratteristiche. Dal punto di vista pratico vendere dell’oro a Roma è molto semplice, anche in considerazione del fatto che nella Capitale vi sono tantissimi esercizi di questo tipo. L’iter tramite cui l’oro può essere venduto è il seguente: il privato presenta i propri oggetti in oro ad un compro oro, l’esercente effettua le dovute verifiche tecniche sui medesimi ed effettua un’offerta economica. In caso di accettazione, la legge stabilisce che il consumatore presenti i suoi documenti di identità e che compili una serie di moduli: ogni singola vendita deve essere tracciata in modo minuzioso, e questo è importantissimo per scongiurare l’eventualità che i compro oro possano divenire uno strumento utile ai malviventi e alla criminalità. Vale assolutamente la pena, dunque, di spendere qualche minuto per adempiere a questi step burocratici: se essi non fossero previsti, infatti, si potrebbero ad esempio proporre a un compro oro degli oggetti appena rubati, e in questo modo il criminale otterrebbe del denaro pulito senza lasciare alcuna traccia di quanto compiuto. É utile sottolineare anche ciò che è stabilito dalla vigente normativa antiriciclaggio: i compro oro possono effettuare dei pagamenti in contanti per gli importi inferiori a 500 €, nel caso in cui l’ammontare dell’operazione sia pari o superiore a tale cifra è invece necessario che il pagamento venga effettuato con modalità tracciabili, dunque ad esempio tramite assegno o tramite un bonifico. Chi desidera vendere degli oggetti in oro a Roma può scegliere liberamente a quale compro oro rivolgersi? La...

Leggi tutto

Diamanti come acquistare la pietra migliore

I diamanti non sono soltanto pietre preziose di grande bellezza che danno luce e valore ai gioielli, ma anche vere e proprie soluzioni di investimento molto apprezzate. Infatti sono considerati dei beni rifugio in quanto il loro valore non diminuisce neppure in caso di crisi economiche, monetarie, finanziarie e politiche. Al contrario, la loro quotazione aumenta perché sono maggiormente richiesti dagli investitori per diversificare il proprio portafoglio e proteggere i propri risparmi. Tuttavia, quando si desidera acquistare alcune di queste pietre preziose, occorre tenere a mente che non tutti i diamanti sono uguali tra loro. Ogni esemplare presenta determinate caratteristiche, che hanno un impatto notevole sull’estetica, il valore è la rarità della gemma. Proprio per questo motivo diventa necessario rivolgersi a un esperto per valutare i diamanti oppure per avere alcuni consigli su quale sia il modo migliore di procedere. Infatti è fondamentale ricordate che il valore dei diamanti è dato da quattro elementi diversi (i cosiddetti 4 C), cioè il colore, il numero dei carati, la purezza e il taglio. Quest’ultimo è l’unico elemento che viene determinato dall’uomo, mentre tutti gli altri fanno riferimento alle caratteristiche naturali della pietra. I diamanti maggiormente apprezzati sono quelli trasparenti, nelle varie sfumature del bianco (champagne, crema o azzurrino) oppure dalle tinte molto rare e preziose. Ad esempio hanno prezzi davvero alti i diamanti neri, quello rosa e quelli verdi. Al tempo stesso occorre tenere a mente che la maggior parte dei diamanti presenta colori che coprono l’intero spettro del marrone e che spesso integrano al loro interno inclusioni che ne limitano la lucentezza. Le pietre migliori sono quelle completamente pure. Comunque sono davvero pregiate le gemme che presentano sedimenti particolari: infatti in questo caso il risultato finale è di grande impatto estetico e il valore del diamante è dato dalla sua rarità e non dal suo grado di purezza. Per quanto riguarda il taglio della pietra nella maggior parte dei casi si opta per la soluzione a brillante in quanto consente di valorizzare al meglio le caratteristiche intrinseche del diamante e la sua lucentezza interna. Tuttavia la scelta viene fatta dal tagliatore, valutando con estrema attenzione i pregi e i difetti della singola pietra. Infatti il taglio deve far risaltare i primi e minimizzare il più possibile i secondi. Per alcuni esemplari è meglio adottare un taglio a smeraldo, caratterizzato da una forma rettangolare e da una grande tavola. Il suo nome deriva dal fatto che spesso viene utilizzato per gli smeraldi. Altri tagli molto apprezzati sono quelli a goccia e ovale perché consentono di dare risalto alla bellezza della gemma. Maggiore è il numero delle sfaccettature e più si fa risaltare la luminosità del diamante....

Leggi tutto

Rolex Submariner: Acquistalo usato!

Forse non tutti sanno che Rolex, pur essendo una delle principali e forse la più famosa società della Svizzera nel campo degli orologi, nacque da Hans Wildorf ed Alfred Davis. Il primo dei due soci era tedesco, e la prima sede della società fu fissata in Inghilterra, mentre i meccanismi degli orologi venivano dalla Svizzera, a firma di un celebre orologiaio di nome Heramn Aeger. Fu proprio quando Aeger entrò in società con Wildorf che Rolex fu trasferita in Svizzera, assumendo le connotazioni che conosciamo tutt’oggi. Gli orologi prodotti da Rolex sono dei veri e propri capolavori: pezzi d’arte e di alta orologeria che portano questo marchio ed i suoi prodotti sulla vetta di questo settore a livello mondiale. Un orologio Rolex è considerato un valore senza tempo, perché chi lo acquista non perde denaro nel corso degli anni, ma mantiene inalterata la stima del proprio bene. Si potrebbe dire che un Rolex sia un oggetto destinato a passare di generazione in generazione: un bene di famiglia che non invecchia mai e che non perde mai valore. Nella vasta gamma degli orologi Rolex, il modello forse più apprezzato dalle generazioni contemporanee e da tutti coloro che amano lo sport ed il dinamismo è il Rolex Submariner. Questo autentico capolavoro, presentato per la prima volta nel 1954, negli anni è stato costantemente perfezionato aggiungendo o rimuovendo dettagli per farne una perfetta macchina del tempo subacquea ed, assieme, uno degli oggetti di maggiore lusso al mondo. Realizzato in acciaio, in acciaio ed oro oppure in oro massiccio, questo orologio è dotato della chiusura Fliplock: un sistema ideato per coloro che indossano una muta da sub ed intendono porre l’orologio sopra di essa, consentendo aggancio e sgancio rapido. La lunetta che gira attorno al quadrante e che permette di valutare i tempi di compressione e decompressione, sempre dedicata agli appassionati del mare, è realizzata in ceramica inscalfibile. Il vetro è il classico zaffiro che ha reso celebre Rolex con la sua incredibile robustezza. Sebbene tutti conoscano il Submariner come un unico modello, di fatto si tratta di una famiglia di ben 21 modelli differenti, ciascuno con le proprie precise caratteristiche tecniche. In un mercato in cui abbondano i falsi (riprodourre un Rolex Submariner è forse lo sport preferito in assoluto dai pirati provenienti da ogni parte del mondo), acquistare un Submariner di seconda mano avendo la certezza che si tratti di pezzo originale, con tutte le parti autentiche ed un movimento originale Rolex al suo interno non è cosa da tutti. Per questo è sempre meglio rivolgersi ad un esperto che sappia valutare l’orologio, lo sappia smontare, lo sappia ispezionare, sappia leggere e comprenderne marchi e diciture,...

Leggi tutto

I gioielli più o meno preziosi

Sono milioni in tutto il mondo gli appassionati di gioielli antichi che farebbero vere e proprie follie per accaparrarsi un pezzo che ritengono unico. Oltre che di passione vera e propria per molti si tratta anche di un buon investimento. A seconda del periodo a cui risalgono, i gioielli erano sinonimo di potere e di ricchezza. Vengono considerati gioielli antichi quelli prodotti dall’antichità, fino a circa i primi decenni del diciannovesimo secolo. I gioielli antichi, accessori irrinunciabili con cui arricchire il proprio modo di vestire, sono dotati di una luce e di una manifattura che si può, senza alcuna ombra di dubbio, definire inconfondibile. L’unicità di ogni pezzo e la sua preziosità sono ancora più elevate se la realizzazione è avvenuta da parte di grandissimi nomi dell’arte orafa mondiale, quali ad esempio Cartier, Fabergè, Buccellati e Boucheron. Il cosiddetto stile a ghirlanda, ideato dal francese Louis Cartier, prende il via da alcune illustrazioni su testi del diciottesimo secolo. Con esso ogni gioiello diviene una vera e propria opera d’arte, quasi architettonica, con l’arricchimento di pizzi, fiori e ghirlande. Anche un altro maestro orafo francese, Peter Carl Fabergè, è passato alla storia per l’incredibile cura che metteva nella realizzazione dei suoi gioielli, curati in ogni minimo dettaglio. Sulla pietra dura venivano intagliati animali, pietre preziose e fiori le cui basi potevano essere sia dorate che argentate. Altri gioielli ricercatissimi tra quelli antichi sono quelli realizzati dal maestro orafo italiano Mario Buccellati, caratterizzati dalla speciale lavorazione a tulle, pizzo o nido d’ape. Gli impreziosimenti anche in questo caso non mancano e lo charme del gioiello è garantito. I soggetti preferiti da Buccellati per le sue creazioni sono i fiori e le pietre. Frédéric Boucheron, altro maestro orafo francese, è leggendario per i suoi magnifici monili in cui soggetti animali erano impreziositi da bellissimi diamanti. I gioielli antichi venivano lavorati combinando l’oro 18 carati con l’argento 925. I monili, in particolare, erano decorati con teste di vari animali quali il leone, lo scarabeo o diverse creature tratte dalle storie mitologiche e che da sempre, secolo dopo secolo, hanno affascinato. Gli abbellimenti, poi, prevedevano una realizzazione interamente in oro, con diversi soggetti, tra cui i preferiti si dimostravano essere, senza alcuna ombra di dubbio, i petali e le foglie. Il tema floreale, dunque, è sempre stato amatissimo da tutti i maestri dell’arte orafa antica che ci hanno così tramandato dei veri e propri capolavori che lasciano senza fiato tutti, per l’incredibile storia che sono in grado di raccontarci mediante la loro attenta osservazione. I gioielli d’epoca sono, invece, più recenti, realizzati in un primo flusso nel periodo compreso tra il diciassettesimo secolo e i primi decenni del diciottesimo (a ridosso...

Leggi tutto

Cosa stabilisce la legge sui banco metalli?

Anche a causa di una mancata e corretta informazione, nell’immaginario collettivo si tende spesso a confondere l’attività dei Compro Oro con quella dei Banco Metalli, come se fossero la stessa cosa. Ma analizzando i punti salienti della normativa vigente, contenuti nella Legge 7/2000 nota come Nuova Disciplina del mercato dell’oro, emergono profonde differenze che distinguono queste due realtà imprenditoriali, molto diverse tra loro. Per quanto riguarda i Compro Oro, ad esempio, si stabilisce che, dai gioielli usati (provenienti da stoccaggi o acquistati da privati), i negozianti “non possono provvedere all’estrazione dell’oro fino”, compito che spetta alle fonderie, e quindi i soggetti che gestiscono quest’attività, “non sono legittimati a rivendere oro da investimento” sotto forma di lingotti, placche o verghe, in quanto non provvisti dell’autorizzazione rilasciata dalla Banca Centrale (Bankitalia). Questa peculiarità già rappresenta una differenza molto significativa soprattutto se si pensa che oggi molti gioiellieri professionisti si dedicano attivamente alla compravendita di lingotti (di diversa caratura e peso) e di monete gold e silver (pure almeno 900/1000), inserite nel catalogo della Commissione delle Comunità Europee consultabile anche on line. Oltre ad acquistare e vendere oggetti preziosi usati (anche in condizione di rottami), tramite laboratorio, solo le imprese autorizzate “possono occuparsi dell’estrazione di oro puro” ricavato anche da oggetti di uso comune come protesi dentarie o orologi, per trasformarlo e “rivenderlo come oro da investimento”. Ecco perché negli ultimi anni sono sempre più numerosi i privati che, invece di ricorrere al tradizionale Compro Oro, decidono di rivolgersi a “professionisti specializzati” nella negoziazione sia di monete e lingotti (oro fisico), che di certificati come Prestiti in Oro, Azioni Aurifere, Opzioni e Fondi su oro (oro finanziario). Infatti, secondo gli ultimi rilevamenti Istat, effettuati a luglio 2014, quest’anno per la prima volta la percentuale relativa al volume d’affari generato dal settore investimenti rispetto allo stesso periodo del 2013, è cresciuta dell’1,4% arrivando al 10,2%. Una crescita dovuta essenzialmente a 3 fattori fondamentali: 1) la sicurezza delle transazioni che avvengono in assoluta trasparenza, 2) l’offerta di prodotti e di strumenti finanziari molto ampia che tende a soddisfare tutte le richieste dei clienti, 3) le condizioni economiche proposte, al netto delle commissioni, molto più vantaggiose di quelle preventivate da un intermediario finanziario o di una banca. Per fare definitivamente chiarezza, bisogna considerare che mentre un Compro Oro per iniziare l’attività deve munirsi semplicemente di una licenza rilasciata dalla Questura territorialmente competente, la legge stabilisce che il Gold point Europeo è un’azienda qualificata che può esercitare il commercio su oro a 360°, sia direttamente che per conto terzi purché in possesso di tutti i requisiti necessari per essere iscritto nell’elenco degli “Operatori professionali in Oro”. Ma non finisce qui. Anche l’inizio...

Leggi tutto

Oro da investimento, scegli la sterlina inglese

Metallo nobile e bene rifugio. È attorno a queste due definizioni che si gioca il ruolo dell’oro: da una parte emblema di quanto di più prezioso la natura può produrre, con le sue caratteristiche “nobili” per definizione di inossidabilità, lucentezza e resistenza; dall’altra, simbolo di un’economia da investimento che guarda al futuro e punta su un prodotto che, storicamente, garantisce una resa costante e una sorta di immunità dalla svalutazione a cui sottostanno tutti gli altri protagonisti dell’economia globale. Tra i tanti oggetti in oro con i quali l’uomo può avere quotidianamente a che fare, ce n’è uno, in particolare, che mette fisicamente insieme queste due caratteristiche: la moneta da investimento. Questa possiede sia un valore economico che può essere paragonato quasi a quello dell’oro puro, sia un valore simbolico e storico che la avvicina a quanto si può dire dei gioielli.- A differenza delle monete, però, questi non possono garantire un analogo ritorno dal punto di vista dell’investimento puro, in quanto, per essere realizzati e lavorati devono venire associati in leghe con altri metalli che, inevitabilmente, intaccano la purezza dell’oro di partenza. Le monete d’oro, inoltre, portano su di loro anche un alto valore storico e simbolico che possono influenzarne la valutazione e che chiamano in causa ambiti diversi come quelli del collezionismo e della numismatica. Tra le tante monete d’oro che hanno segnato la storia, una delle più ricercate da collezionisti e investitori di tutto il mondo è la Sterlina d’oro inglese. A renderla speciale c’è sicuramente la sua lunghissima storia che parte dalla fine del 1400 e continua ancora oggi, e il suo valore economico che si avvicina a quello dell’oro puro. Storicamente, come detto, la Sterlina Inglese cominciò il suo cammino nel 1489, quando Enrico VII decise di apporre la sue effige sulla faccia di una nuova moneta d’oro. Sull’altro lato, invece, mise il simbolo della casata dei Tudor: una rosa. Originariamente, le venne dato il nome di “Sovrana“. Dubbia l’origine della scelta: i più tendono a propendere che derivi dalla volontà di sottolineare la sovranità del popolo inglese nei confronti delle altre potenze dell’Europa di quegli anni. Altri, invece, sostengono che l’appellativo voglia sottolineare la regola non scritta ma, effettivamente, rispettata fedelmente per quasi tutti gli esemplari, di apporre l’effige del sovrano su un lato della moneta. L’altro lato, invece, soprattutto inizialmente non ebbe una destinazione univoca, preferendo incidere di volta in volta soggetti diversi, in genere legati alle diverse casate dei sovrani succedutisi nel corso dei secoli. Le cose cambiarono nel 1817, quando, dopo qualche vicissitudine che ne interruppe la coniazione per qualche tempo, la sterlina d’oro inglese tornò ad avere corso legale. In questa occasione fu deciso...

Leggi tutto

Guadagnare con l’oro di recupero

Guadagnare con l’oro di recupero

Quando si parla di oro solitamente il pensiero corre ai gioielli preziosi oppure a lingotti e monete da investimento. Pochi sanno, invece, che l’oro – per le sue elevate proprietà di conduttività elettrica e termica – è utilizzato tantissimo anche in altri ambiti abbastanza imprevedibili. Ad esempio, è impiegato nell’odontoiatria per la realizzazione di protesi dentarie ma anche nella produzione di piccoli elettrodomestici, di quelli che ognuno di noi ha in casa.Ciò vuol dire che chiunque, potenzialmente, ha a disposizione un tesoretto di cui non conosce l’esistenza? Non proprio ma si diffonde sempre di più la convinzione che il recupero dell’oro usato da oggetti che non siano gioielli possa diventare un’attività redditizia e di facile realizzazione. E sempre più persone si dedicano a questa attività, spesso anche in modo non consapevole.E allora cerchiamo di capirne qualcosa in più. DOVE RECUPERARE L’ORO USATOQuesto può essere prelevato da moltissimi apparecchi elettronici ma sono i computer gli strumenti nei quali si trova di più. Del prezioso metallo sono realizzati, infatti, nella CPU i piedini ed i fili che creano i collegamenti. Ma oro si trova anche nella memoria ram, nel processore e nelle schede di espansione oltre che nei jumper e nei socket della scheda madre. Quello che pochi sanno, però, è che anche l’argento è utilizzato moltissimo nella realizzazione degli hardware: in un pc sono presenti dai cinque ai dieci grammi di argento. I VANTAGGIAl di là dell’aspetto economico – sicuramente per quanto possa essere abbastanza presente negli apparecchi elettronici, non sono comunque quantità che possano far diventare ricchi – l’aspetto che resta più interessante è quello dell’impatto ambientale. Infatti, il recupero dei pc per separarne l’oro e gli altri materiali preziosi è un ottimo sistema per diminuire e smaltire i rifiuti tecnologici. Per riuscire a raggiungere quantità sufficienti di oro tali da rendere interessante l’operazione è necessario mettere insieme molti rifiuti elettronici.COME RECUPERARLOSu internet è possibile trovare numerosissimi video tutorial che spiegano come recuperare con metodi fai da te il prezioso metallo dalle schede elettroniche dei pc. Va subito chiarito che questa operazione è estremamente pericolosa perchè per realizzarla devono essere impiegati acidi, come il cianuro, che possono essere molto nocivi alla salute. Per questo motivo è bene rivolgersi ad esperti del settore che possano assicurare il corretto svolgimento della procedura in tutta sicurezza e senza alcun rischio per la salute poichè vengono impiegate tutte le misure precauzionali. Ultimamente, però, si stanno sviluppando alcune tecniche particolari che sono ecosostenibili e che tramite l’alfa-ciclodestrina, che deriva dall’amido, riescono ad isolare l’oro riuscendo a salvaguardare l’ambiente senza inquinarlo. Questa tecnica è ancora in fase di sperimentazione ma fa capire come il trend sia quello di recuperare i materiali preziosi ma senza inquinare l’ambiente anche perchè, in caso...

Leggi tutto
content top